Num. de referencia
P01670
Autore
Rubens, Pieter Paul
Titolo
Le tre Grazie
Datazione
Circa 1635
Tecnica
Olio
Supporto
Tavola
Misure
220,5 cm x 182 cm
Scuola
Fiamminga
Tema
Mitologia. Dei
In esposizione
Procedenza
Colección Real (Real Alcázar, Madrid, bóvedas de Tiziano, 1700, nº 483; Palacio Real Nuevo, Madrid, primera sala de la Furriera, 1747, nº 96; Palacio Real Nuevo, Madrid, estudio de Andrés de la Calleja, 1772, nº 96; Casa de Rebeque, Madrid, 1794, nº 96; Academia, Madrid, sala reservada, 1827, nº 50).

Le Grazie, descritte nella Teogonia di Esiodo, erano tre: Aglaia, che significa risplendente, Eufrosine, che vuol dire gaudente, e Talia, che significa rigogliosa. Nate da uno degli amori di Zeus, le tre Grazie erano vergini pure che vivevano con gli dei, assistevano ai banchetti e suscitavano allegria. Erano al servizio di Afrodite, la dea dell'amore e non si annoiavano mai.

Rubens le rappresentò vicino a una fonte, sotto una ghirlanda di fiori e con sullo sfondo un paesaggio. Le figure sono ispirate nella scultura classica, un'ispirazione visibile nell'intenzione di riprodurre nei loro corpi la freddezza del marmo. Il ritmo circolare e l'elegante ondulazione sono caratteristiche abituali dell'artista e aspetti che si uniscono alle forme altisonanti e ai colori caldi che utilizza il pittore nelle sue opere degli ultimi anni.

La figura della sinistra è direttamente ispirata alla seconda moglie dell'artista, Helene Fourment. L'opera, dipinta poco dopo del suo matrimonio, evidenzia la felicità e la vitalità dell'artista che si riflette nella sensualità dei suoi quadri di questo periodo. Rimase in possesso dello stesso pittore fino alla sua morte, nel 1640, e venne poi acquistata da Filippo IV e portata in Spagna.

Ministerio de Cultura. Goberno de España; abre en ventana nueva
España es cultura; abre en ventana nueva
Copyright © 2014 Museo Nacional del Prado.
Calle Ruiz de Alarcón 23
Madrid 28014
Tel. +34 91 330 2800.
Todos los derechos reservados