Num. de referencia
P00410
Autore
Tiziano, Vecellio
Titolo
Ritratto di Carlo V a cavallo
Datazione
1548
Tecnica
Olio
Supporto
Tela
Misure
335 cm x 283 cm
Scuola
Italiana
Tema
Ritratto. Reale / Imperiale
In esposizione
Procedenza
Colección Real (Real Alcázar, Madrid, salón de los espejos-cuartos principales, 1700, nº 1; Palacio Real Nuevo, Madrid, antesala de la Furriera, 1747, nº 1; Palacio Real Nuevo, Madrid, paso de tribuna y trascuartos, 1772, nº 1; Palacio Real Nuevo, Madrid, pieza de comer, 1794, nº 1; Palacio Real, Madrid, pieza de comer, 1814-1818, nº 1).

Ritratto equestre dell'imperatore Carlo V (1500-1558) che commemora la vittoria delle truppe imperiali su quelle protestanti a Mühlberg. L'apparente semplicità della composizione nasconde una complessa simbologia che mostra Carlo nella sua duplice condizione di cavaliere cristiano ed erede della tradizione imperiale romana. Un esempio di ciò è la lancia che l'Imperatore sostiene con la mano destra, simbolo del potere dei cesari e, contemporaneamente, riferimento all'arma di San Giorgio e alla lancia che utilizzò, durante la Passione di Cristo, Logino (il soldato romano che conficcò la sua lancia nel costato di Cristo e che, in seguito, si convertì al cristianesimo).

Dal punto di vista formale, è stata citata come antecedente dell'opera la statua equestre dell'imperatore Marco Aurelio (121-180), ripresa in diversi disegni di Alberto Durero, come Il cavaliere e la morte, e di Hans Burgkmair.

L'armatura dell'Imperatore è conservata nell'Armeria Reale del Palazzo Reale di Madrid.

L'opera fu realizzata per Maria di Ungheria e si convertì nell'immagine dinastica per eccellenza della Casa degli Austria. Entrò a far parte della collezione del Museo del Prado nel 1827.

Ministerio de Cultura. Goberno de España; abre en ventana nueva
España es cultura; abre en ventana nueva
Copyright © 2014 Museo Nacional del Prado.
Calle Ruiz de Alarcón 23
Madrid 28014
Tel. +34 91 330 2800.
Todos los derechos reservados